Tag Archive for Antoniazzo Romano

Nemi

Nemi -  (Castelli romani ) Roma

 Paese sorto intorno a un castello del IX.

 PARROCCHIALE . Conserva un trittico di Antoniazzo Romano e una tavola di Giovanni Boccati

nemi parrocchiale antoniazzo

nemi parrocchiale boccati

 PALAZZO BARONALE. Costruzione medievale rifatta in forme rinascimentali, con torre cilindrica, conserva, all’interno, antichi frammenti marmorei e, nella torre, decorazioni a tempera, del XVIII-XIX, di L. Coccetti.

 . Dintorni

TEMPIO DI THANA NEMORENSE. Resti di costruzione romana rettangolare, di cui si vedono la base, parti del portico del peristilio e un’arca circolare. Nella zona è stato ritrovato anche un teatro.

Rieti

Rieti

È l’antica Reate, capitale dei Sabini; conserva la cinta muraria duecentesca e interessanti edifici medievali.

rieti_cintamuraria-jpg

ARCO DEL VESCOVO (XIII sec.). Grandioso cavalcavia formato da due volte a crociera. Da una scala si scende in una sottostante chiesa del XIV che ha interno secentesco con soffitto ligneo dorato e dipinti di V. Manenti.

DUOMO (XIII sec.). Edificio molto rimaneggiato nel XVII. Si notino, alla base del grandioso campanile romanico del XIII, i resti di un affresco cinquecentesco di Marcantonio di Antoniazzo. Resti di affreschi medievali si trovano anche sulla facciata della chiesa. All’interno, notevole la quarta cappella sinistra cui lavorò anche C. Fontana, con una statua di S. Barbara eseguita nel 1657 seguendo indicazioni e schizzi del Bernini. La terza cappella sinistra è opera di G. Valadier. Nella prima cappella sinistra, Madonna col Bambino e Santi, affresco di Antoniazzo Romano della fine del XV. Interessante la cripta a tre navate divisa da colonne.

MURA (XIII sec.). Più volte restaurate, cingono a nord la città. Costruzione alta e intervallata da torri semicilindriche e quadre.

rieti-porta-darci

MUSEO CIVICO. Ha sede nel Palazzo Comunale, raccoglie reperti archeologici di varia datazione e una Madonna col Bambino, terracotta policroma di Silvestro dell’Aquila; parte di un trittico con Madonna col Bambino e Santi di Antoniazzo Romano, del 1464; Ebe, gesso originale del Canova; bozzetto di legno della Cappella Visconti, del Valadier; una Madonna attribuita a G. Reni.

 

MUSEO DIOCESANO

rieti antoniazzo romano madonna del latte_3

antoniazzo romano

rieti-museo-dei-beni-ecclesiastici-croce-dipinta

rieti museo del duomo Marcantonio Aquili

Marcantonio Aquili

PALAZZO DEL GOVERNO. L’edificio attuale è il risultato di due manomissioni avvenute nel XV e nel XVI. La parte più valida è certo la loggia della fine del XVI, eseguita alla maniera del Vignola e affacciata a un giardino all’italiana.

PALAZZO VECCHIARELLI (XVI-XVII sec.). Architettura di passaggio tra il Rinascimento e il primo Barocco, opera di C. Maderno. All’interno, bel cortile, con portico e logge.

PALAZZO VESCOVILE (XIII sec.). Sulla facciata, bella loggia su due arcate. All’interno, le cosiddette “volte del Vescovado”, grande portico a due navate con archi gotici.

S. AGOSTINO (XIII sec.). Sulla facciata rettangolare, portale e rosone del XIV.

S. ANTONIO (XVI sec.). Eretta su progetto del Vignola.

S. PIETRO

rieti Chiesa_di_San_Pietro_martire_-_Rieti

S. RUFFO. Dipinto dello Spadarino

rieti s. ruffo spadarino

Fondi

Fondi - Latina

CASTELLO (XIII sec.). L’edificio quadrangolare, terminato nel XV, ha tre torri circolari. Isolato, poco discosto, sorge un torrione a pianta quadrata, cilindrico nella parte superiore.

DUOMO (S. PIETRO) (XII sec.). Costruito su un tempio pagano, fu, in seguito, modificato e recentemente restaurato. All’interno, un trittico di Antoniazzo Romano, Madonna con Bambino e Santi, Annunciazione di C. Scacco e un pergamo in stile cosmatesco eseguito nel 1286 da Giovanni di Nicola. Nel Tesoro, due pregevoli statue d’argento.

Antoniazzo Roman

Antoniazzo Romano

fondi  s.pietro Cristoforo Scacco di Verona

Cristoforo Scacco di Verona

giovanni-da-gaeta-trittico-della-nativita-cattedrale-di-santa-maria-assunta-fondi-lt

Giovanni da Gaeta           (foto Daniele Romano)

fondi-duomo

foto Daniele Romano

 

MURA POLIGONALI. Risalenti al VII-IV sec.a.C

PALAZZO DEL PRINCIPE (XV sec.). In stile angioino, ha belle decorazioni gotico-catalane. Notevole cortile con portico e loggiato.

S. FRANCESCO (fine del XIV sec.). Rimaneggiata nel XV, fu, successivamente, molto manomessa. Sulla facciata, preceduta da porticato in stile gotico, si apre un portale con influenze rinascimentali.

S. MARIA ASSUNTA (XV sec.). Eretta su costruzione precedente, ha la facciata in pietra. Notevole il portale centrale con decorazioni a candelabre e sculture marmoree nella lunetta. All’interno, due amboni rinascimentali e un’ Assunta del 1534, attribuita a P. Pellegrini.

fondi S. Maria

Civita Castellana

 

Civita Castellana - Viterbo

DUOMO (XII sec.). Iniziato in forme romaniche, fu continuato in periodo gotico e trasformato all’inizio del XVIII. Della costruzione originale conserva la facciata e il campanile. Vi sono riunite molte opere di Maestri Cosmati fra cui sulla facciata, preceduta da uno splendido portico, il grande arco al centro a mosaici, opera di Jacopo di Lorenzo e di suo figlio Cosma, del 1210. Questo capolavoro sembra anticipare modi rinascimentali. Il portale mediano, opera del padre di Jacopo, Lorenzo, ha decorazione imitante i mosaici romani; il portale a destra è opera di Jacopo. All’interno, pavimento cosmatesco e cripta del VII-VIII, forse sul luogo di un sacello romano. Nella sacrestia vecchia, due stupendi plutei marmorei che appartenevano alla iconostasi, opera cosmatesca con sfingi scolpite da Deodato e da Luca, figli di Cosma (1237).

civita castellana duomo

civita Castellana  pavimento cosmatesco

CHIESA DI S. PIETRO. Stupenda tavola di Antoniazzo Romano

Civita Castellana Chiesa di San Pietro,

ROCCA (1494-1500). Costruita su fortificazioni preesistenti sin dal IX-X, ha pianta pentagonale di fonne rinascimentali; il mastio, ottagonale, è stato aggiunto da Antonio da Sangallo il Vecchio. Ha due cortili, di cui uno porticato, e gli appartamenti dove visse Cesare Borgia, con affreschi decorativi.

civita_castellana_-_forte_sangallo_2

civita-castellana-forte-sangallo

Velletri

Velletri - Roma

CATTEDRALE (IV sec.). Costruzione rifatta nel XIII-XIV e ricostruita nel 1659-62. Sulla facciata, bel portale del XVI e, all’interno, una Madonna col Bambino (1486) di Antoniazzo Romano.

Antoniazzo Romano

Antoniazzo Romano

Museo Capitolare, qui ubicato, belle opere tra le quali si notino Madonna con Bambino e Angeli di Gentile da Fabriano del 1426-27, due Madonne di Antoniazzo Romano e una Croce reliquiario con forti influenze bizantine

Gentile da Fabriano

Gentile da Fabriano

velletri museo diocesanoPALAZZO COMUNALE (XVI sec.). Opera di Giacomo Della Porta, è sede del Museo Comunale che raccoglie belle terrecotte volsce e pregevoli sarcofaghi romani.