Archive for Campobasso

Sepino

 Sepino - Campobasso

 

 Saepino Rovine

Dell’ antica città romana a pianta romboidale rimangono le mura di cinta con torri e quattro porte: Tammaro, Benevento, Terravecchia, Bojano. Addossato alle mura di cinta si trova il teatro semicircolare, tutto di pietra, con cavea parzialmente ricavata dal terreno e parzialmente sorretta da volte; la scena non è stata ancora scoperta. All’ interno della città, all’ incrocio fra le due vie principali, si trova il foro, pavimentato con pietre squadrate e iscrizioni, dove si notino un arco onorario, la curia, il podio e parte della gradinata di un tempio. Di fronte al foro, il fianco della basilica del IV con peristilio cinto da venti colonne ioniche. Uscendo dalla bellissima Porta di Bojano, la Tomba dei Numisi, grande ara con epitaffi. Dalla parte opposta della città, mausoleo dedicato a Ennio Marsio, formato da un edificio cilindrico poggiato su basamento a pianta quadrata.

sepino-altilia

porta_boiano

timthumb

Trivento

Trivento - Campobasso

 

CATTEDRALE (XII sec.). Sorta probabilmente su un tempio dedicato a Diana. La facciata, del 1905, è in stile rinascimentale. Della costruzione originale restano le absidi e la cripta, coperta di volte a crociera e divisa in sette navate.

cattedrale-trivento-e1482942406447

Casacalenda

Casacalenda - Campobasso

Santa Maria Maggiore contiene importanti dipinti del XVIII secolo e un basso rilievo, un Gesù deposto, attribuito a Giuseppe Sanmartino

casacalenda Santa Maria Maggiore Giuseppe Sanmartino

Convento di Sant’Onofrio del XV secolo.

Roccavivara

Roccavivara - Campobasso

 

Santuario della Madonna del Canneto La chiesa giunta ai nostri giorni risale ai secoli XI-XII, ha pianta a croce latina, con tre absidi

roccavivara-canneto-loc-santuario-7

roccavivara-santa-maria-del-canneto

 

roccavivara-s-maria-del-canneto

 

Termoli

Termoli - Campobasso

Termoli fu capoluogo di contea longobarda fino all’arrivo dei Normanni, i quali, con Roberto di Loritello, diedero origine alla contea omonima. Nel centro abitato i Loritello eressero un palatium, nel quale, secondo le fonti, re Tancredi avrebbe tenuto solemnen curiam con i suoi baroni. Nel periodo svevo la città fu incorporata nel demanio regio; grande importanza doveva avere il porto, che Federico II collocò all’ interno di un più vasto programma di riorganizzazione degli approdi dell’Adriatico, ridisegnando il ruolo della città come porto commerciale e punto di imbarco per le crociate; e in tale contesto si inserì la cinta muraria, probabilmente già esistente prima dei Normanni, ma
espressamente citata in un documento del 1239 in cui Federico II concedeva l’apertura di un mercato fuori le mura; la presenza di strutture murarie difensive viene confermata dal Quaternus de excadenciis Capitanatae in cui vengono citati il porto, il suburbio e le mura.

termoli

CASTELLO (1247). Eretto da Federico II di Svevia, ha pianta quadrangolare, con baluardi agli angoli e mastio centrale quadrato.

termoli castello

DUOMO (probabilmente del VI sec.). Fu distrutto dai Turchi nel XVI, come molti altri edifici sacri del Molise. L’ ultimo restauro è del 1935. Bellissima la facciata romanica, con influenze di gusto pugliese, opera di Alfano da Termoli. All’ interno, pavimento a mosaico dell’XI.

termoli cattedrale

termoli cattedrale 1

termoli cattedrale 2