Archive for February 2015

Offida

Offida - Ascoli Piceno

 

CASTELLO

 

COLLEGIATA

PALAZZO COMUNALE (XV sec.). Costruzione incoronata di merli con torre del XIV. All’ interno, piccola raccolta archeologica con reperti di scavi della zona e diversi quadri, tra i quali la S. Lucia incoronata dagli Angeli di Pietro Alemanno (1490).

 Pietro Alemanno Simone de Magistris

Pietro Alemanno Simone de Magistris

SANTA MARIA DELLA ROCCA. Costruzione romanico-gotica, rifatta nel 1330 da Maestro Albertino, con semplice facciata in cotto. Nell’ imponente complesso delle tre absidi, pure in cotto ripartito da lesene chiare, si apre il portale gotico che dà accesso alla cripta, ai cui fregi si sono ispirate le merlettaie a tombolo di Offida. All’interno, sulle pareti dell’abside mediana, affreschi di scuola bolognese e veronese del XV. Nella cripta, che si estende, sotto tutta la chiesa, altri affreschi del XIV attribuiti ad Andrea da Bologna o alla sua scuola.

SANTUARIO DI S. AGOSTINO (XIV sec.). Imponente costruzione rifatta nel XVIII. Sul lato sinistro si vedono le strutture dell’edificio originale e un bel portale del XVI. All’interno, barocco, pregevole statua, Cristo morto, di legno colorato, del XVI; notevoli il coro e due confessionali intagliati nel XVIII da A. Donati. Nella Cappella del Miracolo, bel reliquiario del XIV e, in sacrestia, alcune ceramiche provenienti da Castelli.

Montescaglioso

Montescaglioso Matera

Località di antiche origini, come dimostrano i vari ritrovamenti locali di vasi indigeni del VI a.C., di vasi attici del V a.C. e un mosaico romano.

ABBAZIA DI S. ANGELO (XI sec.). Più volte rimaneggiata, conserva due ampi chiostri a porticato, di cui uno ospita un interessante puteale scolpito.

Montescaglioso-Abazia2

MONTESCAGLIOSO-Abbazia-S.-MICHELE-Biblioteca

CHIESA MADRE  dei SS. Pietro e Paolo. Conserva due tele di Mattia Preti

montescaglioso-chiesa-madre-dei-ss-pietro-e-paolo-mattia-preti

Mattia Preti

montes2_02 chiesa madre mattia preti

Mattia Preti

 

Policoro

 Policoro - Matera

 

CASTELLO BERLINGERI .Nasce nell’anno 1000, come casale fortificato, modificandosi ed ampliandosi nei secoli successivi.

intera

PALAZZO MUNICIPALE. Ospita il Museo Nazionale della Siritide una collezione archeologica di oggetti rinvenuti negli scavi di Eraclea, fra cui numerose statuette fittili del IV a.C. e corredi tombali.

 Policoro Museo Archeologico Nazionale della Siritide

. Dintorni

SCAVI DI ERACLEA. Fondata come colonia nel 433 a.C. da Taranto. Nel 1732 furono trovate le Tavole di Eraclea, oggi al Museo Nazionale di Napoli, con iscrizioni relative a disposizioni riguardanti i terreni dei santuari di Dioniso e di Atena. Gli scavi, iniziati nel 1959, hanno portato alla luce molti resti di abitazioni e, nella necropoli, tombe con splendidi vasi del 300 a.C. con rappresentazioni mitologiche. L ‘altura dell’acropoli è cosparsa di reperti archeologici e conserva resti delle antiche mura.

Pisticci

Pisticci - Matera 

Paese a case bianche, con fronti cuspidate disposte in filari regolari. Nella locale necropoli, del VI a.C., sono stati rinvenuti numerosi vasi protoitalioti del 430 a.C., dipinti dal Pittore di Pisticci, ora ai musei di Matera e Taranto.

CHIESA MADRE (XVI sec. ) . Eretta su precedente del XII, di cui rimane il campanile di arte pugliese. E’ ricca di dipinti del XVIII sia sul portale, sia all’interno.

Melfi

Melfi - Potenza

CASTELLO (XIII sec.). Eretto su precedente costruzione, rimaneggiato nel XVI, è un edificio complesso con sette torri e fossato, che domina la valle sottostante.

 

DUOMO (XII sec.). Rifatto quasi interamente nel XVIII, ha una bella facciata barocca. Il campanile è della metà del XII, tranne la cuspide, che è moderna.

il campanile

Ai lati dell’ ultima bifora, due intarsi di lava del 1153 raffigurano due leoni: stanno a testimoniare della potenza della dinastia normanna, ma vengono da più lontano ancora nel tempo, perché sono riferibili, addirittura, alle figurazioni simboliche della dinastia persiana dei Sassanidi del V-VI.

melfi cattedrale

 Museo Archeologico Nazionale Melfese.

melfi sarcofago di rapolla (2)

sarcofago di rapolla

Questo magnifìco monumento funebre ritrovato presso Rapolla nel 1856 rimase esposto nella piazza di Melfi per un secolo. E una grande cassa di marmo che ha sui fianchi figure e motivi architettonici sormontati da una .fascia con animali marini e, sul coperchio, la rappresentazione di un letto con una splendida figura femminile giacente. E la più importante testimonianza romana nella zona

Dintorni

Chiese rupestri

S. Margherita

Melfi chiesa rupestre di S. Margherita

melfi S.Margherita