Archive for June 2014

Zogno


Zogno Bergamo

CHIESA DI S. MARIA . Angelo Orelli Annunciazione 

zogno chiesa di s. maria vincenzo orelli

PARROCCHIALE.Precedentemente attribuito a Giovanni Cariani è stato recentemente assegnato a Palma il Vecchio

Zogno Parrocchiale  Palma il Vecchio

Grumello de zanchi s. maria assunta

Carpaccio-Polittico-di-Grumello de zanchi s. maria assunta

Carpaccio

Caprino Bergamasco

 Caprino Bergamasco Bergamo

 

Dintorni

Celana

CHIESA PARROCCHIALE. Pala d’altare di Lorenzo Lotto

Lorenzo Lotto

Lorenzo Lotto

Colle di Val d’Elsa

Colle di Val d'Elsa - Siena

 

Paese medievale costituito da due borghi, l’uno sul colle, l’altro in piano, le cui cinte murarie erano, un tempo, collegate da una strada fortificata. Ora, soltanto Colle Alta conserva le mura medievali, integrate nel XV. Si notino gli edifici medievali e rinascimentali e le numerose case-torre.

. Colle Alta
DUOMO (1603). Sorto sul luogo della pieve romanica di S. Maria del Colle, di cui sono rimaste, sul fianco dell’edificio attuale, sette arcate di pietra, ha facciata ottocentesca. All’interno, leggio di bronzo, opera di P. Tacca, dell’inizio del XVII, un tabernacolo, il pulpito, il fonte battesimale del XV e un Crocifisso di bronzo, attribuito al Giambologna. Anche la sistemazione della piazza di fronte al Duomo, sulla quale prospetta il Palazzo Pretorio del 1335, è dell’inizio del XVII.

PALAZZO CAMPANA (1539). Opera incompiuta di Giuliano di Baccio d’ Agnolo.

S. MARIA IN CANONICA (XII sec.). Eretta su costruzione precedente, rimaneggiata nel XVII, ospita un grande tabernacolo, Madonna in Trono e Santi, attribuito a B. Gozzoli.

. Colle Bassa
S. AGOSTINO (XIII sec.). La facciata duecentesca è incompiuta. All’interno, trasformato nel XVI da Antonio da Sangallo il Vecchio, opere di Taddeo di Bartolo, del Bronzino, un tabernacolo di Baccio da Montelupo e, all’altare, attribuito al Ghirlandaio

colle val d'elsa s. agostino ghirlandaio

MUSEO CIVICO E DIOCESANO D’ARTE SACRA. Il museo ha sede nell’antico palazzo dei Priori, caratterizzato da un loggiato a piano terra, che originariamente si presume venisse uilizzato come arengario e da una imponente scala esterna di accesso agli spazi espositivi. Alla fine del 400′ la facciata fu arricchita da un pregevole affresco graffito a monocromo, raffigurante un fregio con putti reggenti festoni e una di elementi decorativi all’antica, che fanno da cornice ad alcune teste di cavallo: emblema della città di Colle. Si ricorda in particolare la Maestà di Badia a Isola, una preziosa tavola attribuita in passato a Duccio di Boninsegna, che costituisce il capolavoro di un pittore senese anonimo, già sensibile alla fine del Duecento alle novità del fiorentino Cimabue. Fra le sculture spicca il Crocifisso di Marco Romano, straordinario per il naturalismo dell’anatomia e realizzato prima del 1313. Si segnalano inoltre tavole del Trecento e del Quattrocento (Segna di Bonaventura, il Bachiacca) oltre a numerose opere del Seicento, fra le quali spiccano una tela attribuita al caravaggesco Bartolomeo Cavarozzi e le opere dei fiorentini Lodovico Cigoli e Ottavio Vannini. Interessante e preziosa è la collezione d’arte sacra e profana dell’Ottocento, fra cui la pala di Antonio Puccinelli (1859) e le opere di Antonio Salvetti, artista colligiano. Importante anche la raffinata selezione di oreficerie sacre tra le quali spicca il tesoro di Galognano del VI secolo. Si tratta di un rarissimo corredo eucaristico in argento formato da 4 calici una patena e un cucchiaio, che testimonia la esistenza di una comunità cristiana di etnia ostrogota legata alla chiesa di S. Andrea a Galognano

 Museo Civico   Maestro di Badia a Isola

Museo Civico
Maestro di Badia a Isola

 

Spadarino

Spadarino

 

colle val d'elsa museo civico cigoli

Cigoli

 

Certaldo

Certaldo - Firenze

E considerata patria del Boccaccio, che era nato a Parigi, da padre certaldese, ma che qui visse e mori.

CASA DEL BOCCACCIO. Ricostruzione della presunta casa distrutta dall’ultima guerra.

MUSEO D’ARTE SACRA

Certaldo Museo_arte_sacra Lippo_d'Andrea

Lippo d’Andrea

 

Certaldo96_big

Puccio di Simone

Cristo di Petrognano

PALAZZO PRETORIO (XV sec.). Notevole edificio in cotto ispirato a modelli piu antichi. La loggetta, sulla destra, serviva per ricevimenti e per la promulgazione di sentenze. La facciata, l’atrio e il cortile sono coperti di stemmi policromi. All’interno, resti di affreschi del XV.

SS. MICHELE E JACOPO (XIII sec.). All’interno, la tomba del Boccaccio e Tabernacolo dei giustiziati di B. Gozzoli

certaldo chiesa dei ss. michele e jacopo  gozzoli

Benozzo Gozzoli

Castelfìorentino


Castelfìorentino - Firenze

CAPPELLA DELLA VISITAZIONE (XV sec.). All’interno, due cicli di affreschi di B. Gozzoli con Tabernacolo della Visitazione e Tabernacolo della Madonna della tosse splendidi per la vivacità del racconto, dei colori, e la ricchezza dei costumi e degli sfondi.

PINACOTECA. Raccoglie opere senesi del XIV-XV e altre del XVI; numerosi corali miniati.

S. VERDIANA (XVIII sec.). La facciata, del 1771, è vicina al Barocco romano. All’interno una tavola di Cimabue e Madonna col Bambino di Taddeo Gaddi

castelfiorentino museo s.verdiana taddeo gaddi part

Taddeo Gaddi

 

castelfiorentino s. verdiana cimabue

Cimabue


SS. LORENZO E IPPOLITO. Custodisce una tavola di Duccio

castelfiorentino ss. lorenzo e ippolito duccio